giovedì 11 febbraio 2016

... se il motore del tapis roulant scalda

Se il motore scalda è quasi sempre colpa del nastro. Non continuate a farmelo ripetere è una cosa che dovrebbero sapere tutti i tecnici, non lo dico solo io, l'ho scritto per anni in tutte le salse sul nostro sito http://riparazionetapisroulant.blogspot.it/ che tutti i tecnici dovrebbero legger e lo scrivono anche sui blog in spagnolo!

Todas las bandas tienen un tiempo de vida útil y cuando los motores se recalientan por un mayor esfuerzo es debido a el elevado coeficiente de fricción entre banda y base
servicegym.fullblog.com.ar/mantenimiento-cintas-de-correr-importante.html

Oltretutto è abbastanza ovvio che se un cliente fonde o rompe un motore, ne monta uno sostitutivo e questo scalda -> se ne deduce che qualcosa o nel modo d'uso o nelle caratteristiche del tapis roulant comporta un carico eccessivo per il motore.



A poco conta dire che "prima non scaldava" -> se il motore precedente si è rotto è probabile che ci fosse qualche problema, soprattutto se aprendolo si notano colate di resina, se si è smagnetizzato,  se si sono interrotti o sono entrati in corto i filamenti.
Inoltre spesso l'utente non ha fatto caso alle avvisaglie di ciò che ha portato al guasto del suo primo motore, mentre ora che c'è stato un guasto e un danno è naturalmente più portato (e giustamente) a fare attenzione a qualsiasi anomalia dell'attrezzo perché sa che potrebbe avere un costo anche importante.
Infine, a ulteriore riprova della buona fede dell'utente, qualsiasi tipo di problema meccanico che può aver portato alla rottura del motore iniziale, sarà evoluto peggiorando nel tempo fino ad arrivare al punto di non ritorno a cui ci troviamo oggi.

Tutto ciò non deve spaventare: nel 90% dei casi la sostituzione del motore insieme a qualche indicazione di manutenzione e d'uso è sufficiente per risolvere il problema e usare l'attrezzo ancora per anni. Però qualsiasi anomalia che si verifica in quel 10% dei casi dove non fila tutto liscio va analizzata a fondo per evitare problemi e discussioni con il cliente o il fornitore (che difficilmente accetterà indietro un motore surriscaldato).

Innanzitutto bisogna guardare il lato meccanico/elettrico:

1) le pulegge sono allineate? La cinghia di trasmissione corre perfettamente dritta? I rulli girano regolarmente o sono bloccati?
2) la tavola è liscia e dritta? Non basta "a occhio", a volte mettendo una barra metallica dritta sulla tavola si vede che questa ha un avvallamento centrale anche di 1 cm quindi a un certo punto l'utente è trainato dal nastro "in salita"
3) il nastro quanti anni ha? Se è stato sostituito è stato cambiato con un nastro di qualità o con un fondo di magazzino vecchio di 10 anni?
4) nastro e cinghia sono tesi correttamente (ovvero il necessario per non fare scivolare la persona)? O sono troppo tirati a seguito di regolazioni improprie? O perché sono vecchi? O perché  i rulli sono completamente lisci e non fanno più presa)?
5) c'è del lubrificante impaccato sul nastro e sui rulli che fa l'effetto opposto alla lubrificazione? Che lubrificante si è usato? Noi consigliamo lo spray siliconico che non lascia molti residui ed è facile da mettere. In alternativa si può usare vasellina, facendo molta attenzione a non eccedere per evitare effetto opposto al voluto (noi NON la consigliamo). Il cliente o qualcuno ha usato altri tipi di grasso/ lubrificante, magari con derivati del petrolio? In questo caso verosimilmente il nastro è da buttare e va tutto quanto pulito bene e rilubrificato.
6) Quando si lubrifica, prima di lubrificare, se sporco bisogna pulire bene. Se no la lubrificazione è inutile e aggiunge impaccamento su impaccamento
7) solo per gli attrezzi che necessitano taratura: la velocità riportata sul display è simile alla velocità effettiva del nastro, con una tolleranza del +/- 10%?

Le caratteristiche dell'utente

1) un motore con 8 cm di diametro o meno, è pensato per un utente fino massimo 80 Kg (o meno) che viaggia a una velocità di minimo 5 km/h. L'utente cammina sul tapis roulant o si fa trascinare?
2) l'utente cammina bene o ha problemi? Nel caso si veda una modalità di camminata molto anomala, consigliare anche la visita da un fisioterapista in modo da impostare una modalità di recupero idonea (non tanto per il tapis roulant, quanto per la salute dell'utente).
3) l'utente pesa più di 80 kg? Servirebbe un motore almeno da 10 cm di diametro
4) l'utente è intorno ai 100 kg? Servirebbe un motore Turdan da 12 cm o un motore a corrente alternata
5) contrariamente a quello che dicono tanti rivenditori un utente che deve usare l'attrezzo per camminare, ha bisogno di un motore a corrente alternata o di un motore molto grosso.
6) diffidare da quanto dichiarato dal costruttore in quanto i pesi indicati indicano una portata meccanica quindi quando un costruttore dice "il mio tapis va bene fino a 120 kg" intende che un utente di 120 kg che sale sul tapis roulant non lo sfonderà, o che può usarlo per 5/10 minuti, e NON che l'attrezzo è idoneo ad allenamenti di una certa durata.

Detto ciò un tecnico serio dovrebbe andare dal suo cliente dotato di un amperometro e misurare la corrente consumata dall'attrezzo nelle varie situazioni. Siccome non sempre è comodo / conveniente leggere i valori di consumi in A, anche l'utilizzo di strumentazione portatile di prova motori è una soluzione accettabile.
Solo in questo modo è possibile capire l'effetto delle varie regolazioni.

Un breve riassunto

Se un'auto perde aderenza in strada, ci possono essere tanti motivi, senza dubbio il fattore principe è la qualità delle gomme. Gomme vecchie o lisce avranno un effetto catastrofico sulla tenuta di strada di un'auto.

Allo stesso modo se il tapis roulant ha problemi e il motore scalda il primo indiziato è il nastro di corsa. E' lui che determina con la tavola il coefficiente di attrito più importante. Dai numerosi test sul campo e in laboratorio si è visto che la sostituzione del nastro può tranquillamente DIMEZZARE il consumo elettrico e risolvere quindi non solo la problematica del surriscaldamento del motore, ma anche ridurre la bolletta elettrica del cliente e prevenire danni alla scheda elettronica controllo motore.

Ciò vale anche per i nastri delle palestre, spesso trascurati perché i motori delle palestre sono fatti per portare carichi molto elevati, ma che alla lunga possono danneggiare gli inverter di controllo con danni che possono essere anche oltre i 1.000 €.

Se la parte meccanica è già stata messa al meglio e sull'utente si può intervenire fino a un certo punto, i "trucchi" per risolvere il problema, dopo aver cambiato il nastro (ed eventualmente la cinghia) sono:

1) Montare una ventola esterna per raffreddare il motore e ventilare meglio la stanza dove si trova l'attrezzo. Ciò è utile soprattutto per chi deve camminare piano. In quella condizione infatti le ventole presenti sui motori non hanno effetto perché ruotano alla stessa velocità del motore. Ciò può dare sollievo al motore e alla scheda elettronica ma non può essere considerata una soluzione definitiva a lungo termine, in quanto all'interno il motore è difficile da raffreddare e quindi alla lunga può comunque guastarsi.

2) Montare un motore più grosso (eventualmente aggiungendo anche la ventola esterna). Un motore più grosso dissipa molto meglio il calore e resiste molto di più a sollecitazioni improprie. Questa è una soluzione idonea soprattutto se l'utente è un po' più pesante di quanto dovrebbe o cammina piano. Può essere una soluzione a lungo termine.

3) Ogni volta che è possibile, va monitorata nel tempo la temperatura del motore. Basta usare un termometro con sonda a contatto con un display (costo pochi euro) per poter leggere in qualsiasi momento la temperatura del motore.

4) Se si nota una reale incongruenza tra il tipo di attrezzo e quello che necessita il cliente, è sempre saggio consigliargli di riparare l'attrezzo ed eventualmente regalarlo a un parente o amico che deve fare un uso più congruo (o rivenderlo come usato funzionante) e comprare per sé un attrezzo idoneo che può essere un tapis con motore AC o per chi può un'altra tipologia di attrezzo (p.es. cross trainer). In questo caso badare alla qualità dell'acquisto per evitare di ritrovarsi dopo poco tempo nella stessa situazione iniziale.


APPROFONDISCI QUESTO TEMA CON LA NOSTRA GUIDA SULLA MANUTENZIONE E RIPARAZIONE DEI TAPIS ROULANT

2 commenti:

  1. scusate ho cambiato puleggia posteriore e nastro ma continua a farmi saltare la scheda...cosa posso provare? il motore sembra che giri liberamente ma se cerco di girare il nastro con il piede senza dare pesoi è molto duro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha lubrificato la tavola dopo il montaggio del nastro? Ha verificato di non aver tirato troppo il nastro (per il montaggio seguire le istruzioni nel blog)

      Elimina